Questo sito utilizza cookie per raccogliere informazioni sull'utilizzo. Cliccando su questo banner o navigando il sito, acconsenti all'uso dei cookie. Leggi la nostra cookie policy.OK

Direttore responsabile Alessandro Longo

Il digitale nei Comuni italiani: ecco tutte le e-Agende punto per punto

di Mila Fiordalisi

19 Feb 2015

19 febbraio 2015

E’ durata un anno l’inchiesta portata avanti da Agendadigitale.eu per analizzare i progetti e le iniziative messe a segno e quelle in via di realizzazione nelle principali città, da Nord a Sud del Paese. Molte le cose ancora da fare ma le amministrazioni locali dimostrano di essere pienamente consapevoli dell’importanza del digitale in quanto strumento chiave per il lancio di servizi a valore aggiunto, semplificazione dei processi e per la spending review

Riorganizzazione dei processi interni in chiave di ottimizzazione delle attività e della condivisione delle informazioni. Creazione di portali ad hoc per fornire servizi dedicati ai cittadini e alle imprese. Messa a punto di piattaforme open source per l’analisi delle risorse e condivisione delle informazioni ai fini della pianificazione di attività di monitoraggio e manutenzione degli impianti dedicati alla gestione della mobilità urbana e ambientale. Creazione di reti a banda larga, ultralarga e hot spot wireless con l’obiettivo di velocizzare la condivisione dei dati e mettere a punto servizi a valore aggiunto. Progetti dedicati alla formazione digitale del personale e dei cittadini. Sviluppo di piattaforme per la gestione dei pagamenti elettronici.

Per i Comuni italiani la sfida digitale è in pieno atto. Gli obblighi imposti dalle nuove normative e dagli obiettivi dell’Agenda digitale nazionale ed europee hanno dato la stura a tutta una serie di iniziative.  E nonostante i ritardi accumulati le pubbliche amministrazioni locali si stanno progressivamente attivando, ciascuna con progetti in linea con le esigenze specifiche del territorio di riferimento per servire al meglio la comunità. Dopo l’inchiesta sulle Agende digitali di tutte le Regioni, Agendadigitale.eu in un “viaggio” durato un intero anno ha analizzato punto per punto i vari progetti in campo nei principali Comuni italiani, – una trentina in totale – da Nord a Sud del Paese.

Il digitale è diventato una “delega” ad hoc, in molti casi in capo al Sindaco e in altri ad assessorati dedicati o “spalmata” in più di un assessorato sulla base degli obiettivi: dai servizi e-gov ai progetti di smart city, dall’e-mobility all’e-inclusion, i “capitoli” sono tanti e prevedono risorse dedicate e roadmap puntuali.

A Roma il sindaco Ignazio Marino ha deciso di dare una grossa accelerata ai progetti al punto da voler trasformare la città in una vera e propria capitale digitale. Si punta in particolare sui servizi e-gov e sulla messa in campo di tecnologie di varia natura, dagli open data al Voip, dal wi-fi alla banda larga con l’obiettivo anche di tagliare la spesa pubblica. Milano fa leva sull’occasione dell’Expo 2015 per il lancio di tutta una serie di servizi innovativi basati su infrastrutture “intelligenti” e sulle cosiddette “isole digitali”. E l’Agenda digitale del Comune meneghino scommette anche sugli open data e sui portali tematici. Open data, pratiche online, wi-fi gratuito e banda larga i quattro assi della ricetta di Firenze per la città del “futuro”. Bologna scalda i motori dell’identità digitale unificata attraverso la nuova versione della rete civica Iperbole.

Numerose le iniziative in campo anche nelle città del Sud. Napoli ha deciso di “ristrutturarsi” in nome del digitale: in corso la riorganizzazione delle risorse interne per garantire maggiore interoperabilità e la progettazione della città 3.0. Bari si è data due anni di tempo per digitalizzare PA e servizi. Razionalizzazione dei processi attraverso forme di dialogo multimediale, miglioramento dell’interazione online PA-cittadino e PA-impresa, upgrade delle connessioni fino a 100 Mb/s i pilastri del piano del Comune di Messina. Insomma la rivoluzione è partita. A seguire tutte le Agende digitali dei Comuni presi in esame da Agendadigitale.eu.

LE AGENDE DIGITALI DEI PRINCIPALI COMUNI ITALIANI

ANCONA

BARI

BOLOGNA

BOLZANO

CAGLIARI

COSENZA

FERRARA

FIRENZE

GENOVA

L’AQUILA

LECCE

LIVORNO

LUCCA

MESSINA

MILANO

NAPOLI

PAVIA

PIACENZA

POTENZA

RIMINI

ROMA

SIENA

TORINO

TRENTO

TRIESTE

VERONA

UDINE

  • Alessandra Farabegoli

    Ravenna ha un progetto Agendadigitale articolato e che sta già portando frutti (es connettività migliore in tutto il territorio comunale); trovate tutte le info su http://www.agendadigitaleravenna.it

  • Emanuele

    Vivendo a Roma, conosco molto la città e posso dire che di digitale ed agenda digitale non si sa nemmeno cosa sia.
    Noi con il progetto L’Angolo Del Computer, qui http://settecamini.blogspot.it/2013/03/langolo-del-computer-una-vera-realta.html la notizia, stiamo rendendo Roma tecnologica e Smart City. Su questo sito, tempo fa si parlava di Roma, com a Smau Roma 2014, volevano uniformare le rete wi fi, a distanza di un anno è tuttu uguale. Il DigitRoma dev’essere libero ed in tutti centri anziani.

Articoli correlati