l'analisi

Identità digitale, nessuna “buona” nuova dal PNRR: cosa non ha funzionato e cosa manca

Sembra mancare, nel PNRR, un “progetto” per l’identità digitale: non ci sono innovazioni sostanziali e l’idea del futuro è molto somigliante al presente: accedere ai servizi con SPID e CIE, pagare con PagoPA e usare l’app IO, il tutto con il supporto di ANPR. Il Piano, dunque, è solo un (nuovo) punto d’inizio

12 Mag 2021
Eugenio Prosperetti

avvocato, docente Informatica Giuridica Facoltà Giurisprudenza

semplificazioni identità anpr

Dalle informazioni che sono note circa PNRR l’approccio del Governo sul tema dell’identità digitale e cittadinanza digitale, si ritrova, sorprendentemente, un approccio conservativo.

A quanto pare non vi saranno innovazioni sostanziali: l’intenzione è di lavorare per far funzionare quanto è già stato “con successo” introdotto dalle riforme passate e, cioè, SPID e CIE, accompagnate dai sistemi PagoPA, App “IO” e dalla nuova piattaforma di notifiche della Pubblica Amministrazione, quest’ultima prevista dal Decreto Semplificazioni ma tuttora – per quanto noto – solo sulla carta.

Sarà l’anno di svolta per l’identità digitale? I problemi da superare

PNRR, per Spid obiettivi poco ambiziosi

Quel che colpisce – lo avevo già sottolineato in un precedente contributo – è che riforme approvate con il Decreto Semplificazioni come “urgenti” e necessarie per fronteggiare l’emergenza COVID (per esse era stato previsto lo switch-off a febbraio 2021!) vengano ora declinate, senza troppe modifiche, in prospettiva futura, pluriennale e – soprattutto – necessitino di quasi 800 milioni di euro di finanziamento per arrivare a compimento.

WHITEPAPER
Smart building: una guida per semplificare la progettazione della rete

In sostanza, l’idea sull’identità digitale del futuro è molto somigliante al presente (se funzionasse): accedere ai servizi con SPID e CIE, pagare con PagoPA e usare l’app IO, il tutto con il supporto di ANPR.

L’obiettivo del 2026 sarà quello di avere ancora una attuazione parziale di SPID e degli altri sistemi citati, allineata gli obiettivi UE di una penetrazione al 80% della popolazione.

Peraltro, tale obiettivo è pensato considerando entrambe le identità, con la CIE che assumerà formalmente il ruolo di livello 3 del sistema di identità digitale.

Al momento SPID è diffusa presso il 30% della popolazione, quindi si andrebbe oltre il raddoppio della diffusione in 5 anni. Si consideri però che l’emergenza COVID ha in un anno raddoppiato la diffusione di SPID, l’obiettivo potrebbe dunque non essere particolarmente ambizioso.

Non sono note e non si evincono con precisione dai documenti disponibili le modalità di evoluzione di questi sistemi. Si parla di miglioramenti, semplificazioni, maggiore semplicità d’uso… ma non si ritrovano declinazioni precise di quali saranno le innovazioni nel sistema di identità, se non per alcuni riferimenti alla identità unica UE, all’uso del protocollo “OpenID” e alla necessità di un migliore coordinamento con il nodo EIDAS.

La PA digitale nel Recovery Plan: cosa c’è e cosa manca

Cosa non ha funzionato finora

Su quest’ultimo c’è da dire che il nodo italiano (il cosiddetto progetto FICEP) è sinora stato molto poco considerato: nessuna norma assegna ad Agid espressamente il ruolo di gestore di tale sistema e i pochi finanziamenti originariamente erogati per tale fondamentale sistema – che assicura l’interoperabilità transfrontaliera di SPID con le altre identità – potrebbero essere, proprio per questo, in via di esaurimento.

La mancanza di attenzione per una componente fondamentale come il nodo EIDAS è paradigmatica di quel che sinora non ha funzionato nel sistema dell’identità digitale: si sono curate le riforme a livello di normativa primaria ma poi gli enti attuatori non sono stati accompagnati nella creazione delle infrastrutture di supporto e le relative regolamentazioni.

A oggi i servizi SPID per privati cercano di partire tra grandi difficoltà: Agid cerca da oltre un anno di approvare la convenzione per i soggetti “aggregatori” dei servizi privati, fondamentali per abilitare a SPID le piccole realtà imprenditoriali e gli enti privati che non hanno le forze di gestirne gli aspetti tecnici, ma non vi è interesse a velocizzare l’attuazione.

Spid è bello, se funziona: tre proposte per superare i problemi

Cosa manca nel PNRR

Il PNRR non sembra in questo fornire un “passo diverso” o indicare, ad esempio, la decisa volontà di marciare a passo spedito verso un sistema di identità integrato tra pubblico e privato e centrale nella strategia digitale.

Manca ancora il sistema degli attributi e degli attribute provider, necessario per certificare attraverso SPID le professioni, gli studi e le altre caratteristiche personali di chi viene identificato. In mancanza non si possono realizzare servizi riservati a determinate categorie accessibili tramite SPID (es. un servizio per soli avvocati relativo alla giustizia).

Non è mai del tutto partito lo SPID per le imprese e c’è molta confusione su come si possa utilizzare SPID per l’identificazione di una persona nel proprio ruolo imprenditoriale o di legale rappresentante.

Sembra mancare, in sostanza, un “progetto” per l’identità digitale: non pare sufficiente dire che il sistema continuerà a esistere e sarà utile alla cittadinanza digitale.

Sarà perseguito attivamente l’uso dei servizi privati con l’identità digitale? Si arriverà ad avere una piena integrazione per cui per l’identità assumerà piena valenza pubblico/privato?

Non si comprende nemmeno se gli switch-off per l’identità digitale saranno perseguiti o se l’identità digitale, nel nuovo corso, diventerà facoltativa.

Infatti, come si può programmare uno switch-off dei servizi pubblici se il target a cinque anni è del 80% della popolazione? E’ sostenibile un 20% di cittadini esclusi dall’accessibilità ai servizi online?

Come può essere efficiente la piattaforma delle notifiche digitali se si prevede che al 2026 ancora il 20% della popolazione dovrà riceverle cartacee?

L’app IO e la neutralità tecnologica dimenticata

E perché si continua a indicare come interfaccia unica una “app” IO senza prevedere che si realizzi una versione “non mobile” della stessa, anche in conformità a principi di neutralità tecnologica. In sostanza viene indicata normativamente come “interfaccia unica” della P.A. una applicazione che può funzionare solo su dispositivi con schermo “piccolo”, poco utile per chi ha necessità di visionare molti documenti o gestire grandi formati, e che, per essere usata, richiede un account Apple o Google che diventa così, indirettamente, obbligatorio per poter accedere ai servizi online della PA e questo si spera trovi un ripensamento.

Manca inoltre nel piano un coordinamento tra la prevista evoluzione del sistema SPID e la semplificazione procedimentale: cosa vorrà dire che la CIE diventa il livello 3 dell’identità digitale? Potrà sostituire il documento di identità a tutti gli effetti e in tutte le situazioni? Sarà privilegiata la firma digitale associata all’identità digitale? Quale sarà il ruolo futuro degli identity provider? Quale sarà il rapporto tra identità digitale e gestione dei dati personali?

A queste domande il PNRR non risponde e c’è da presumere che esso non nasca per essere autosufficiente: esso sembra più che altro un punto di inizio che richiederà comunque un enorme sforzo progettuale e di coordinamento ulteriore rispetto ai suoi contenuti.

WHITEPAPER
Efficienza energetica nei processi produttivi: scopri come, grazie a Digitalizzazione e AI
Intelligenza Artificiale
IoT
@RIPRODUZIONE RISERVATA

Speciale PNRR

Tutti
Incentivi
Salute digitale
Formazione
Analisi
Sostenibilità
PA
Sostemibilità
Sicurezza
Digital Economy
CODICE STARTUP
Imprenditoria femminile: come attingere ai fondi per le donne che fanno impresa
DECRETI
PNRR e Fascicolo Sanitario Elettronico: investimenti per oltre 600 milioni
IL DOCUMENTO
Competenze digitali, ecco il nuovo piano operativo nazionale
STRUMENTI
Da Istat e RGS gli indicatori per misurare la sostenibilità nel PNRR
STRATEGIE
PNRR – Piano nazionale di Ripresa e Resilienza: cos’è e novità
FONDI
Pnrr, ok della Ue alla seconda rata da 21 miliardi: focus su 5G e banda ultralarga
GREEN ENERGY
Energia pulita: Banca Sella finanzia i progetti green incentivati dal PNRR
TECNOLOGIA SOLIDALE
Due buone notizie digitali: 500 milioni per gli ITS e l’inizio dell’intranet veloce in scuole e ospedali
INNOVAZIONE
Competenze digitali e InPA cruciali per raggiungere gli obiettivi del Pnrr
STRATEGIE
PA digitale 2026, come gestire i fondi PNRR in 5 fasi: ecco la proposta
ANALISI
Value-based healthcare: le esperienze in Italia e il ruolo del PNRR
Strategie
Accordi per l’innovazione, per le imprese altri 250 milioni
Strategie
PNRR, opportunità e sfide per le smart city
Strategie
Brevetti, il Mise mette sul piatto 8,5 milioni
Strategie
PNRR e opere pubbliche, la grande sfida per i Comuni e perché bisogna pensare digitale
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr
CODICE STARTUP
Imprenditoria femminile: come attingere ai fondi per le donne che fanno impresa
DECRETI
PNRR e Fascicolo Sanitario Elettronico: investimenti per oltre 600 milioni
IL DOCUMENTO
Competenze digitali, ecco il nuovo piano operativo nazionale
STRUMENTI
Da Istat e RGS gli indicatori per misurare la sostenibilità nel PNRR
STRATEGIE
PNRR – Piano nazionale di Ripresa e Resilienza: cos’è e novità
FONDI
Pnrr, ok della Ue alla seconda rata da 21 miliardi: focus su 5G e banda ultralarga
GREEN ENERGY
Energia pulita: Banca Sella finanzia i progetti green incentivati dal PNRR
TECNOLOGIA SOLIDALE
Due buone notizie digitali: 500 milioni per gli ITS e l’inizio dell’intranet veloce in scuole e ospedali
INNOVAZIONE
Competenze digitali e InPA cruciali per raggiungere gli obiettivi del Pnrr
STRATEGIE
PA digitale 2026, come gestire i fondi PNRR in 5 fasi: ecco la proposta
ANALISI
Value-based healthcare: le esperienze in Italia e il ruolo del PNRR
Strategie
Accordi per l’innovazione, per le imprese altri 250 milioni
Strategie
PNRR, opportunità e sfide per le smart city
Strategie
Brevetti, il Mise mette sul piatto 8,5 milioni
Strategie
PNRR e opere pubbliche, la grande sfida per i Comuni e perché bisogna pensare digitale
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr

Articolo 1 di 2