l'intervento

Confindustria: “Il digitale volano per la ripresa competitiva del Paese, ecco le nostre priorità”

L’Italia sembra aver finalmente intrapreso la strada giusta ma deve aumentare il proprio livello di digitalizzazione per colmare il divario che ci separa dai principali competitors a livello europeo e mondiale. Gli obiettivi di Confindustria

Pubblicato il 05 Gen 2023

Agostino Santoni

VP Confindustria con delega al Digitale

digitalizzazione - webfare

La Delega per il Digitale che il Presidente di Confindustria Carlo Bonomi ha voluto nel suo programma di Presidenza, rappresenta per Confindustria nazionale un deciso segno di svolta rispetto al passato, prima volta di una Vicepresidenza per il Digitale, a testimoniare le potenzialità della digitalizzazione come volano per la ripresa competitiva del Paese e per accompagnare le nostre imprese nel processo di transizione digitale e sostenibile.

Confindustria: “Come sfruttare al meglio il digital services act per aggiornare le norme europee”

Le priorità per la modernizzazione del Paese

Per svolgere al meglio il mio compito, ho individuato alcune priorità che ritengo necessario sviluppare nel corso di questo mio mandato, in quanto abilitanti al processo di modernizzazione del Paese.

WHITEPAPER
Rendi smart la tua azienda con due tecnologie inedite
Risorse Umane/Organizzazione
Smart working

Promuovere lo sviluppo e la diffusione delle Competenze Digitali

Anzitutto promuovere lo sviluppo e la diffusione delle Competenze Digitali, per favorire l’adozione delle tecnologie digitali da parte di imprese, cittadini e Pubblica Amministrazione. Il nostro Paese sconta ad oggi un forte gap nei confronti dei principali competitors europei in termini di capitale umano. Rispetto alla media UE, l’Italia registra infatti livelli di competenze digitali di base e avanzate molto bassi, collocandosi al 24º posto su 27 tra i paesi UE. (Fonte: UE – DESI 2022)

Anche riguardo alla disponibilità di specialisti digitali nell’ambito del mondo del lavoro il nostro paese si posiziona al di sotto della media UE, a causa dei modesti tassi di iscrizioni e di laureati nei percorsi STEM, in particolare del settore ICT.

Per consentire all’Europa di raggiungere gli obiettivi sulle competenze digitali previsti nel “Percorso per il decennio digitale” per il 2030, è necessario che il nostro Paese attui un deciso cambio di passo, attivando percorsi qualificati di formazione, riqualificazione e aggiornamento professionale e dando concreta attuazione alle misure previste dalla Strategia Nazionale per le competenze digitali

Lo sviluppo dell’Economia dei Dati nazionale

La seconda priorità è contribuire allo sviluppo dell’Economia dei Dati nazionale, in coerenza con gli obiettivi della più ampia Strategia europea dei Dati e con il lavoro svolto da Confindustria in questi 2 anni, favorendo la progettualità e lo sviluppo di servizi digitali evoluti per valorizzare il patrimonio informativo delle nostre organizzazioni.

È più che mai opportuno promuovere la partecipazione delle nostre organizzazioni a progetti che abbiano lo scopo di facilitare gli scambi di dati tra il mondo delle imprese, della ricerca e delle istituzioni, nel rispetto dei principi europei, in particolare, della privacy e della proprietà sui dati, come ad esempio il progetto Gaia-X.

Gaia-X ha l’obiettivo di creare un ambiente aperto, trasparente e sicuro, in cui dati e servizi possono essere resi disponibili, raccolti e condivisi in un ambiente di fiducia che permetta alle aziende di sviluppare progettualità per la valorizzazione del patrimonio informativo e di mantenere il controllo sui propri dati.

Abbiamo costituito il Regional Hub italiano su mandato dell’ex MISE, del MITD e del MUR con l’obiettivo di favorire la creazione di “data space” nazionali a livello di filiera e sviluppare progettualità per valorizzare il patrimonio informativo del Paese.

Per rendere pienamente operativo il Regional Hub italiano è tuttavia necessario che le istituzioni diano seguito a quanto definito nella lettera di mandato a Confindustria, provvedendo a stanziare cospicue risorse per finanziare i bandi per promuovere la progettualità a supporto della data economy e per supportare l’attività del Regional Hub italiano.

Digitalizzazione delle Infrastrutture nazionali

Un’altra priorità è favorire il processo di Digitalizzazione delle Infrastrutture nazionali, in particolare le cosiddette infrastrutture critiche, il cui funzionamento è necessario ad assicurare l’erogazione dei servizi essenziali per garantire l’operatività di imprese, pubbliche amministrazione e cittadini.

Non solo quindi investimenti per le infrastrutture digitali di rete, Fibra, 5G , FWA, ma anche risorse per digitalizzare le infrastrutture essenziali nazionali, come le reti elettriche, gasdotti e oleodotti, il sistema idrico, i trasporti e la viabilità, per assicurare lo sviluppo di servizi digitali più evoluti e un efficientamento dei costi pubblici e privati, con conseguente miglioramento della produttività del Paese.

Il recente impegno preso in sede di G7 dal presidente degli Stati Uniti Joe Biden e dagli altri leader dei paesi occidentali, di uno stanziamento iniziale di 600 miliardi di dollari entro in 2027 per lo sviluppo e il potenziamento delle infrastrutture globali attraverso il programma “Partnership for Global Infrastructure and Investment”, è un segnale inequivocabile della valenza strategica che il processo di digitalizzazione delle infrastrutture rivestirà nel corso del prossimo quinquennio.

PNRR, Confindustria digitale: “Piano da migliorare, ecco le priorità per il Governo”

La Cybersecurity al centro del processo di trasformazione digitale

Se i benefici del processo di transizione digitale in atto sono sempre più evidenti, sia in termini di produttività che di efficientamento dei processi, è allo stesso tempo necessario mettere in evidenza i rischi connessi alla diffusione e all’utilizzo delle tecnologie digitali.

Il processo di digitalizzazione in atto e la diffusione massiva di oggetti connessi e interconnessi, dai devices ai sensori IoT, dai macchinari 4.0 ai sistemi di telemonitoraggio, comporta una progressiva estensione della superficie soggetta a possibili attacchi informatici in grado di compromettere l’erogazione dei servizi essenziali al Paese e di causare ingenti danni al nostro sistema produttivo.

È assolutamente prioritario mettere la Cybersecurity al centro del processo di trasformazione digitale, per la protezione delle infrastrutture critiche nazionali (energia, trasporti, sanità, oleodotti, reti digitali), dei sistemi produttivi e delle informazioni strategiche, guardando alla cybersicurezza non come un costo bensì come un investimento.

La sfida è creare un Sistema Paese resiliente, capace di prevenire il maggior numero possibile di attacchi informatici e di limitare limitando gli effetti negativi di quelli che colpiscono l’obiettivo. La protezione delle infrastrutture critiche nazionali, spesso gestite da soggetti privati, diventa una componente essenziale della strategia nazionale di cybersecurity.

È necessario sviluppare e promuovere iniziative per la diffusione della cultura e la pratica della cybersecurity tra le nostre imprese, in larghissima parte PMI che per natura e dimensioni incontrano difficoltà nell’approcciare i temi della transizione digitale e, nello specifico, il tema della sicurezza ad essa collegato.

La Cybersecurity richiede inoltre disponibilità di competenze e figure professionali qualificate, percorsi di formazione specifici in grado di formare e aggiornare chi opera in azienda e nelle pubbliche amministrazioni, per limitare al minimo i comportamenti e le azioni che possano comprometterne la sicurezza.

Le tecnologie digitali per la Sostenibilità e l’economia Circolare

Da ultimo, ma sicuramente non meno importante, lo sviluppo e la diffusione delle tecnologie digitali per la Sostenibilità e l’economia Circolare.

È fondamentale investire in infrastrutture resilienti ai cambiamenti climatici, in tecnologie per nuove forme di energy e in supply chain basate su energia pulita e rinnovabile, investire in infrastrutture per il trasporto a basse emissioni, in batterie per le auto elettriche, in tecnologie scalabili e innovative per siti che non hanno accesso all’energia pulita.

Piano Transizione 4.0 e prime fasi di attuazione del Pnrr: stato dell’arte e criticità

Il Piano Transizione 4.0 è un pilastro del PNRR, è lo strumento chiave per la modernizzazione delle imprese ed è fondamentale garantirne l’efficacia e la sua capacità di orientare e accompagnare le imprese nel processo di transizione verso un modello produttivo digitalizzato e sostenibile.

Transizione 4.0, Marchesini (Confindustria): “Ecco le priorità per il rilancio delle imprese”

Secondo i primi dati disponibili sull’accesso alle misure del Piano, risulta che le imprese abbiano ampiamente utilizzato le agevolazioni fiscali soprattutto per l’acquisto di macchinari 4.0, per le attività di formazione sull’utilizzo delle tecnologie digitali e per l’attività di ricerca e innovazione. Il Piano quindi si è dimostrato efficace nell’attivare nuovi investimenti e nell’orientare le imprese. Ma c’è ancora molto da fare. Diversi report che analizzano il livello di digitalizzazione delle imprese ci dicono che è stata fatta molta strada ma che restano ancora dei gap da colmare, soprattutto nelle imprese di dimensione più piccola, dove per la maggior parte la digitalizzazione resta ad un livello di base. È quindi necessario continuare a supportare le imprese con misure adeguate e insistere sulle competenze: la priorità per moltissime imprese, soprattutto quelle di dimensioni più piccole, è la conoscenza.

Ci auguriamo quindi che anche per il 2023 si possano mantenere le attuali aliquote del credito d’imposta per gli investimenti 4.0, per la formazione e per l’attività di ricerca e sviluppo. Sappiamo che il governo sta lavorando in questo senso e che l’intenzione è di utilizzare le risorse del PNRR assegnate al Piano e ancora disponibili. In assenza di interventi, dal 2023 il Piano sarà fortemente ridimensionato per gli investimenti e non ci sarà alcun supporto per la formazione, aspetto non trascurabile visto il mismatch tra domanda e offerta di lavoro e la difficoltà delle imprese nel trovare profili professionali coerenti con le esigenze di innovazione digitale.

Il rischio è un blocco degli investimenti soprattutto nelle PMI, che si trovano ad affrontare problemi enormi, con il prezzo dell’energia ai massimi storici, la crescita dell’inflazione, il rialzo dei tassi di interesse e le conseguenti difficoltà di accesso al credito, la carenza e i costi delle materie prime .

In questo scenario, quindi, è essenziale garantire un adeguato supporto per la transizione digitale e il PNRR resta un’occasione unica per l’Italia, un intervento di politica fiscale e industriale senza precedenti.

Ad oggi l’Italia è sostanzialmente in linea con gli obiettivi fissati, avendo rispettato l’impegno a conseguire tutti i 45 traguardi e obiettivi del primo semestre 2022 e inviato alla Commissione Europea la richiesta relativa al pagamento della seconda rata, pari a 24,1 miliardi di euro.

Lo stato dell’arte

Sono state completate le attività per l’avvio dei lavori per la realizzazione dei progetti di connettività per la banda ultra larga: tutte le gare sono state aggiudicate tra aprile e giugno e sono stati firmati i relativi contratti di assegnazione delle risorse. Siamo entrati nella fase attuativa del processo che porterà il Paese a raggiungere gli obiettivi della Gigabit society entro il 2026, ovvero la copertura integrale del Paese con una connettività almeno pari a 300 Mbit in download.

Sono stati avviati i lavori per la realizzazione del Polo Strategico Nazionale (PSN), e i fondi per la digitalizzazione delle PA centrali e locali sono stati in larga parte assegnati.

Dobbiamo concentrarci sulla fase di execution, è l’urgenza a scandire i tempi di attuazione delle misure previste dal PNRR: dobbiamo fare in fretta e fare bene.

Le risorse a nostra disposizione devono essere indirizzate in modo chiaro e rigoroso, serve un’accurata azione di monitoraggio che possa permettere di intervenire tempestivamente durante la fase esecutiva qualora le misure adottate non siano in linea con gli obiettivi fissati.

Rifinire le modalità attuative del PNRR

Una radicale “rivisitazione” del PNRR, di cui si sente parlare molto in questi giorni, seppur alla luce dei pesanti effetti negativi per l’Europa dovuti al conflitto Russo-Ucraino attualmente in corso, aumento del costo dell’energia e delle materie prime, rischierebbe di condizionare il raggiungimento degli obiettivi del Piano stesso, vanificando gli sforzi fatti e i risultati sin qui conseguiti.

Nel preservare la macro struttura del PNRR, obiettivi e missioni, sarebbe però auspicabile rifinire le modalità attuative, agevolando il più possibile la fase di execution e rimuovendo potenziali vincoli e impedimenti che possano in qualche modo ostacolarla, accelerando ad esempio sull’adozione dei decreti attuativi ad oggi pendenti, semplificando gli adempimenti burocratici a carico delle imprese, rimuovendo gli ostacoli amministrativi a livello di amministrazioni locali per dare corretta attuazione a norme a tutt’oggi in vigore ma che trovano applicazione sono in ordine sparso a livello territoriale.

È necessario velocizzare e indirizzare le risorse a nostra disposizione verso gli obiettivi da raggiungere: anche un recente studio SDA dell’Università Bocconi e Intesa Sanpaolo ha messo purtroppo in evidenza la necessità di accelerar stimando ad oggi un impatto cumulato del Piano di ripresa e resilienza al 2026 al 2,5% del PIL, un valore al di sotto del DEF 2021 (+3,6%) e 2022 (+3,2%). Questo significa che occorrerà accelerare negli investimenti e centrare tutti gli obiettivi previsti, senza finire ostaggio dei vincoli della burocrazia.

I nuovi modelli dell’innovazione dalle start up innovative ai Competence Center

I nuovi modelli per la diffusione della conoscenza e delle competenze, dai Competence Center ai Digital Innovation Hub, sono degli strumenti straordinari che devono essere anzitutto valorizzati, sostenuti, adeguatamente promossi nel nostro tessuto industriale, messi a sistema attraverso un piano nazionale che ne determina gli ambiti di azione e ne assicura il coordinamento.

Dobbiamo promuovere questi strumenti e portarli a conoscenza delle nostre imprese, mettere in collegamento diretto offerta e domanda di competenze e soluzioni tecnologiche per favorire lo sviluppo competitivo del Paese. In questo senso Confindustria sta facendo un lavoro importante con i suoi Digital Innovation Hub. Si sta cercando di fare rete con i Competence center, promuovendo l’incontro tra domanda e offerta di innovazione. I DIH accompagnano le imprese nella valutazione della propria maturità digitale, indicano una possibile roadmap e poi le orientano verso i Competence center dove possono trovare supporto su specifici progetti di innovazione e vedere esempi concreti di tecnologie digitali applicate ai processi produttivi.

Quanto al contributo delle Startup innovative allo sviluppo e alla diffusione delle nuove tecnologie digitali è a mio avviso fondamentale, di straordinaria importanza. Anello di congiunzione tra il mondo della ricerca e il complesso sistema economico, potendo contare su professionalità altamente qualificate e su un marcato spirito imprenditoriale costantemente orientato al futuro, vanno opportunamente supportate e tutelate lungo tutto il ciclo di vita, sia attraverso incentivi mirati sia mettendo loro a disposizione strumentazione e infrastrutture abilitanti in cui poter concretizzare le loro idee progettuali.

Conclusioni

L’Italia sembra aver finalmente intrapreso la strada giusta ma deve aumentare il proprio livello di digitalizzazione per colmare il divario che ci separa dai principali competitors a livello europeo e mondiale.

Per raggiungere questo obiettivo è fondamentale attivare campagne di sensibilizzazione sul territorio e coinvolgere nel processo le piccole e medie imprese, che rappresentano la spina dorsale del tessuto produttivo del nostro Paese, prevedendo azioni mirate di accompagnamento nel percorso di transizione al digitale sia a livello di competenze digitali che di progettualità.

WHITEPAPER
Hybrid Workplace: realizzarlo in 5 step con la giusta tecnologia
Networking
Risorse Umane/Organizzazione
@RIPRODUZIONE RISERVATA

Valuta questo articolo

La tua opinione è importante per noi!

Speciale PNRR

Tutti
Incentivi
Salute digitale
Formazione
Analisi
Sostenibilità
PA
Sostemibilità
Sicurezza
Digital Economy
CODICE STARTUP
Imprenditoria femminile: come attingere ai fondi per le donne che fanno impresa
DECRETI
PNRR e Fascicolo Sanitario Elettronico: investimenti per oltre 600 milioni
IL DOCUMENTO
Competenze digitali, ecco il nuovo piano operativo nazionale
STRUMENTI
Da Istat e RGS gli indicatori per misurare la sostenibilità nel PNRR
STRATEGIE
PNRR – Piano nazionale di Ripresa e Resilienza: cos’è e novità
FONDI
Pnrr, ok della Ue alla seconda rata da 21 miliardi: focus su 5G e banda ultralarga
GREEN ENERGY
Energia pulita: Banca Sella finanzia i progetti green incentivati dal PNRR
TECNOLOGIA SOLIDALE
Due buone notizie digitali: 500 milioni per gli ITS e l’inizio dell’intranet veloce in scuole e ospedali
INNOVAZIONE
Competenze digitali e InPA cruciali per raggiungere gli obiettivi del Pnrr
STRATEGIE
PA digitale 2026, come gestire i fondi PNRR in 5 fasi: ecco la proposta
ANALISI
Value-based healthcare: le esperienze in Italia e il ruolo del PNRR
Strategie
Accordi per l’innovazione, per le imprese altri 250 milioni
Strategie
PNRR, opportunità e sfide per le smart city
Strategie
Brevetti, il Mise mette sul piatto 8,5 milioni
Strategie
PNRR e opere pubbliche, la grande sfida per i Comuni e perché bisogna pensare digitale
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr
CODICE STARTUP
Imprenditoria femminile: come attingere ai fondi per le donne che fanno impresa
DECRETI
PNRR e Fascicolo Sanitario Elettronico: investimenti per oltre 600 milioni
IL DOCUMENTO
Competenze digitali, ecco il nuovo piano operativo nazionale
STRUMENTI
Da Istat e RGS gli indicatori per misurare la sostenibilità nel PNRR
STRATEGIE
PNRR – Piano nazionale di Ripresa e Resilienza: cos’è e novità
FONDI
Pnrr, ok della Ue alla seconda rata da 21 miliardi: focus su 5G e banda ultralarga
GREEN ENERGY
Energia pulita: Banca Sella finanzia i progetti green incentivati dal PNRR
TECNOLOGIA SOLIDALE
Due buone notizie digitali: 500 milioni per gli ITS e l’inizio dell’intranet veloce in scuole e ospedali
INNOVAZIONE
Competenze digitali e InPA cruciali per raggiungere gli obiettivi del Pnrr
STRATEGIE
PA digitale 2026, come gestire i fondi PNRR in 5 fasi: ecco la proposta
ANALISI
Value-based healthcare: le esperienze in Italia e il ruolo del PNRR
Strategie
Accordi per l’innovazione, per le imprese altri 250 milioni
Strategie
PNRR, opportunità e sfide per le smart city
Strategie
Brevetti, il Mise mette sul piatto 8,5 milioni
Strategie
PNRR e opere pubbliche, la grande sfida per i Comuni e perché bisogna pensare digitale
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr

Articolo 1 di 4